Untitled-1
Questa volta disturberemo le stelle… il terzo romanzo – “Le lune di Avel”
On agosto 23, 2017

 

“Le lune di Avel”, il nuovo romanzo in uscita ad ottobre.


Le lune di Avel


Ci siamo, finalmente.

Il mio terzo romanzo, dal titolo “Le lune di Avel”, uscirà nei prossimi mesi e con esso avrò il piacere di inaugurare una nuova affascinante collaborazione con la Infinito Edizioni.
Tra pochi giorni daremo il via ad un progetto di crowdfunding, ovvero la possibilità di acquistare il romanzo inedito in prevendita, con interessanti pacchetti ricompensa, ricchi di omaggi.

Questa volta ho osato andare lontano, con la fantasia e con il pensiero. Ho salutato, almeno per il momento, le dolci atmosfere post-apocalittiche che hanno tanto emozionato i lettori de La nostalgia dell’acqua, ho abbandonato i corridoi bui e contorti della casa e della psiche, che abbiamo attraversato insieme nelle pagine di Riverberi d’ombra. Stavolta ho rivolto lo sguardo lontano, in alto, verso le stelle più lontane che lo sguardo umano ha addirittura paura di immaginare. Il mondo dove brillano Le lune di Avel è a milioni di anni luce da quello che conosciamo. È un viaggio attraverso il mistero e le infinite possibilità dell’universo, è il desiderio di sognare mondi che possano offrire nuove speranze, nuovi orizzonti da indagare, nuovi colori e nuove storie.antoniomasseroni

I protagonisti sono sempre uomini, con il loro bagaglio di incertezze ed errori, ma anche di splendide doti e del colorato caleidoscopio della loro anima. Stavolta, però, si tratterà di esseri umani cancellati, protagonisti a cui è stato chiesto di rinunciare alla propria memoria, ai propri istinti, alle proprie radici, come prezzo inevitabile di una vita finalmente serena in un paradiso lontano tra le oscurità del cosmo.

Le lune di Avel racconta della solitudine, non solo quella fisica, ma anche quella spirituale, emozionale ed ideologica. Un’eco lontana, un richiamo velato ad un disagio dei nostri giorni, quello che obbliga a conformarci, a socializzarci (anche nel senso dei social network ovviamente) a tutti i costi nell’ambito di una cerchia che ci impone determinate regole e addirittura ci impone specifici pensieri, per lasciarci entrare. La paura di restare soli è troppo forte e, a volte, ci ritroviamo perfino disposti a reprimere i nostri veri pensieri, il nostro vero modo di essere.
Ma quanto possono davvero essere cancellati gli istinti umani? E quanto ciò che è sepolto nel profondo deve lottare per poter tornare in superficie?

Le lune di Avel cerca di narrare questo processo, questo arduo cammino verso l’alto di ciò che si ritiene ormai morto e sepolto, ma che non smette mai di gridare, di notte, come una voce lontana e quasi dimenticata. Come al solito, lo fa attraverso storie avventurose, amori che sbocciano dove pare niente possa crescere, verità che non sono mai assolute, ma riflettono la luce in modo sempre diverso, a seconda dei diversi punti di vista.
Questa volta disturberemo le stelle, per trovare noi stessi.

Mi auguro che abbiate voglia ancora una volta di esplorare mondi nuovi, salire a bordo di una leggendaria Nave Ombra (capirete cos’è…), e veleggiare lungo i profili misteriosi di un mare sconfinato e lontano.

Personalmente, mi sono parecchio divertito a scrivere questo romanzo, quasi tutto d’un fiato, come sempre con le dita che rincorrevano frenetiche e ansimanti il flusso dei pensieri. Come ogni volta lasciandomi avvolgere da un tenero senso di nostalgia nello scrivere le ultime inesorabili parole, quelle che chiudono il sipario della composizione, ma che al tempo stesso danno vita a qualcosa di fatto e finito che prima non esisteva, se non nella mia fantasia. Creare qualcosa grande come un mondo immaginario è sempre un’esperienza molto intensa.

Vi auguro una piacevole lettura, di cuore.